Il Consiglio di Stato ammette che l'impresa consorziata designata non debba possedere l'attestazione SOA

CDS 03 01 2024 consorzi stabili imprese anche non qualificate 1

SCARICA LA SENTENZA

I Consorzi Stabili e le PMI nel nuovo Codice dei Contratti Pubblici

 appalti

l’UCSI, Unione dei Consorzi Stabili Italiani, organizza per il giorno 17 novembre 2023 alle ore 15, via call, un Webinar diretto agli operativi dei Consorzi Stabili stessi e delle loro Consorziate, in particolare (ma non solo) agli Uffici Gare.

  • Il tema è: “Profili relativi alla partecipazione alle gare ed alla responsabilità nell’esecuzione: i Consorzi Stabili e le PMI nel nuovo Codice dei Contratti Pubblici”.
  • Scarica la Locandina

Nella locandina allegata trovate i temi che verranno trattati e il link per accedere al webinar. I relatori (sempre in locandina) sono Avvocati di sicura esperienza sul tema degli appalti pubblici, con particolare preparazione proprio nel campo dei Consorzi Stabili. Partecipare è semplice: basta cliccare dove indicato in locandina oppure nel link riportato in calce. Dopo le relazioni, sarà possibile porre quesiti e dialogare con gli Avvocati. Potete estendere l’invito sia alle vostre Imprese Associate che ai funzionari e Tecnici delle vostre Stazioni Appaltanti.

Per partecipare al webinar:

Sperando di avere fatto cosa gradita, e contando sulla vostra partecipazione, inviamo i più sentiti saluti

Per il Presidente dell’UCSI
Dottor Giuseppe Costantino

 Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 1959 del 2023, proposto da
Consorzio Stabile CMF, in persona del legale rappresentante pro tempore, in relazione alla procedura CIG N.D., rappresentato e difeso dagli avvocati Cristiana Carpani, Franco Mastragostino, Andrea Zoppini e Giorgio Vercillo, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;

contro

Ferco s.r.l., in proprio e nella qualità di capogruppo mandataria del costituendo RTI con Fulgens s.r.l. e Consorzio Innova Soc. Coop, in persona dei legali rappresentanti pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Francesco De Marini e Barbara Savorelli, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;
Azienda Trasporti Milanesi s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall'avvocato Marcello Cardi, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;

per la riforma

della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Prima) n. 00397/2023, resa tra le parti;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Ferco s.r.l., in proprio e nella qualità di capogruppo mandataria del costituendo RTI con Fulgens s.r.l. e Consorzio Innova Soc. Coop., e dell’Azienda Trasporti Milanesi s.p.a.;

Viste le memorie delle parti;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 25 maggio 2023 il Cons. Annamaria Fasano e uditi per le parti gli avvocati Carpani, Vercillo, Cardi e De Marini;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

Principio di rotazione: invito del consorzio uscente a una nuova gara

UCSI

Il parere del MIT: il principio della rotazione va applicato salvo deroga motivata, che è scelta discrezionale della stazione appaltante.

Può la Stazione Appaltante invitare il consorzio stabile o rete d’imprese uscente a una nuova procedura per lavori indicando in lex specialis che in caso di aggiudicazione, in applicazione del principio di rotazione, non potrà assegnare l'esecuzione contrattuale alla stessa consorziata/retista che ha operato nell’ultima procedura indetta dalla SA, in riferimento alla stessa categoria merceologica? [Leggi tutto]

Il Decreto Legislativo 31 marzo 2023 n. 36 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovo Codice Appalti 2023

Con questa nota voglio comunicarvi tutta la mia soddisfazione e quella dell’intero Consiglio Direttivo dell’UCSI per l’inserimento nel Nuovo Codice dei Contratti dell’art.225 comma 13 che con un articolo interpretativo chiarisce in maniera inequivocabile i dubbi interpretativi scaturiti da alcune sentenze TAR e Consiglio di Stato sulla disciplina applicabile ai Consorzi Stabili. 

Ricorderete che tra i punti programmatici del lancio della Campagna associativa UCSI per l’anno 2023 vi era l’attenzione alla  “redazione del nuovo Codice degli Appalti, insieme alla capacità di gestione del PNRR, un momento di verifica della effettiva crescita e maturità del Paese nella capacità di affrontare le tematiche legate allo sviluppo infrastrutturale

Nuovo Codice dei Contratti

Ai Consorzi Stabili

Carissimi,

il Decreto Legislativo 31 marzo 2023 n. 36 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale; con questa nota voglio comunicarvi tutta la mia soddisfazione e quella dell’intero Consiglio Direttivo dell’UCSI per l’approvazione del Nuovo Codice dei Contratti. Ricorderete che tra i punti programmatici del lancio della Campagna Soci UCSI per l’anno 2023 vi era “la redazione del nuovo Codice degli Appalti sarà, insieme alla capacità di gestione del PNRR, un momento di verifica della effettiva crescita e maturità del Paese nella capacità di affrontare le tematiche legate allo sviluppo infrastrutturale”.

2

Se il Consorzio stabile può eseguire l’appalto in proprio, non può essere escluso per avere indicato una consorziata esecutrice priva dei requisiti di partecipazione.

Sul “cumulo alla rinfusa” ancora una sentenza, che “allenta” precedenti orientamenti volti ad affermare da una parte la sua abolizione, dall’altra la necessità che le imprese consorziate indicate come esecutrici posseggano i requisiti per l’esecuzione delle prestazioni.
In primo grado il ricorso era stato respinto in quanto “il Consorzio non poteva sostituire i propri requisiti a quelli della consorziata indicata come esecutrice, stante l’avvenuta abolizione del cumulo alla rinfusa ad opere del Decreto Sbloccantieri, ostando “a tale argomento l’art. 47, co. 2, del D. Lgs. n. 50/2016 come modificato dal D.L. 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla l. 14 giugno 2019, n. 55 (c.d. Decreto Sblocca cantieri) e dunque applicabile al momento della gara per cui è causa, il quale dispone che “i consorzi stabili di cui agli articoli 45, comma 2, lettera c), e 46, comma 1, lettera f), eseguono le prestazioni o con la propria struttura o tramite i consorziati indicati in sede di gara senza che ciò costituisca subappalto”, stabilendo altresì che “la sussistenza in capo ai consorzi stabili dei requisiti richiesti nel bando di gara per l’affidamento di servizi e forniture è valutata, a seguito della verifica della effettiva esistenza dei predetti requisiti in capo ai singoli consorziati”. (47, co. 2 –bis, D. Lgs. n. 50/2016)”.
[Leggi tutto ...]

  1. Congresso 2023
  2. Lettera Aperta al Presidente del Consiglio on. Giorgia Meloni
  3. Codice dei contratti e Testo Unico Edilizia: due norme da cambiare
  4. APPALTI, FILIERA DELLE COSTRUZIONI: PRONTI A COLLABORARE PER UN NUOVO CODICE
  5. Stato di crisi crediti. La protesta\invito di un imprenditore edile
  6. Consorzi stabili e avvalimento: via libera al “cumulo alla rinfusa”
  7. COSTITUITO IL GRUPPO DI LAVORO PER L’ESAME DELLO SCHEMA DEL D.LGS RECANTE LA DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI
  8. IL CONSORZIO STABILE COME STRUMENTO DI CRESCITA E TUTELA DELLE P.M.I.
  9. EDILIZIA, D’ATTIS (FI): I CONSORZI STABILI RAPPRESENTANO UN ARGINE CONTRO LA CRISI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
  10. Commissione speciale istituita presso il Consiglio di Stato incaricata di redigere il «progetto del decreto legislativo recante la disciplina dei contratti pubblici»
  11. PERCHÉ I CONSORZI STABILI
  12. Recovery, Ucsi: dividere gli appalti in lotti da 100 milioni Per l'Unione dei consorzi stabili italiani, questa strategia darebbe alle piccole e medie imprese l'occasione di partecipare
  13. PNRR, Unione Consorzi Stabili Italiani: dividere i lavori da appaltare in lotti da 100 milioni
  14. PNRR, Unione Consorzi Stabili Italiani: dividere i lavori da appaltare in lotti da 100 milioni
  15. PNRR, Unione Consorzi Stabili Italiani: dividere i lavori da appaltare in lotti da 100 milioni
  16. PNRR, Unione Consorzi Stabili Italiani: dividere i lavori da appaltare in lotti da 100 milioni
  17. Recovery, Unione consorzi stabili italiani: dividere lavori da appaltare in lotti da 100mln
  18. UCSI - Nota di accompagno
  19. Pietro Salini attacca i consorzi stabili e le realtà delle piccole e medie imprese nel settore dei lavori pubblici
  20. Nessun requiem per il cumulo alla rinfusa
Todi 2022

2023
Congresso Roma

L'ITALIA SIAMO NOI. LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TRA APPALTI, CONCORRENZA E PNRR.

Leggi Tutto
Image
Todi 2022

2022
Congresso Todi

IL CONSORZIO STABILE COME STRUMENTO DI CRESCITA E TUTELA DELLE P.M.I.

Leggi Tutto

News

comeaderire

partner

scarica